Riceviamo e pubblichiamo l’articolo pubblicato su Calabria Ora del 30 giugno 2010

Sbotta l’assessore Rende <Tedesco in malafede>

Non si è fatta attendere la risposta della maggioranza dopo il terremoto scatenato dalle dichiarazioni del consigliere di opposizione Antonio Tedesco che denunciava <i limiti amministrativi> della giunta Bruno. L’esponente di minoranza aveva svelato la faccenda relativa alle votazioni del Psc avvenute durante il consiglio comunale dello scorso 26 aprile. I 4 consiglieri di opposizione – lo ricordiamo – nonostante si fossero astenuti dal votare il documento si sono ritrovati, invece, nel verbale redatto dal segretario comunale, ad aver espresso voto favorevole. A tal proposito è intervenuto l’assessore Gaetano Rende: < a volte chi parla di democrazia calpestata – le sue parole – lo fa senza rendersi conto di quanto la sua ignoranza possa indurlo in errore> solo un semplice errore di trascrizione – secondo Rende – modificabile peraltro di diritto nella prossima seduta consiliare. < La malafede del consigliere Tedesco stà in due elementi, chiari e inequivocabili, che non possono minimamente intaccare la professionalità e l’alto senso del dovere del segretario comunale, Giuseppina Romeo. Il primo – ha precisato – consiste nel fatto che il Psc è stato ampiamente approvato con i 9 voti della maggioranza e che i 4 miseri voti dell’opposizione non potevano certo rappresentare l’elemento differenziale. Il secondo consiste nella mancanza da parte di Tedesco di una cultura e di una conoscenza delle regole amministrative della pubblica amministrazione>. E poi ha continuato: < il regolamento comunale prevede che ogni incongruenza o errore di scrittura del verbale della precedente seduta viene evidenziata e modificata all’atto della lettura nel primo consiglio utile, cioè il prossimo>. E per quanto riguarda le presunte irregolarità nella compilazione di alcuni bandi di gara comunali che lo stesso Tedesco aveva denunciato nei giorni scorsi, Rende risponde: < all’interno di un ente pubblico l’attività politica di un amministratore è di solo indirizzo, mentre la redazione e il controllo della regolarità di una gara pubblica è riservata esclusivamente agli uffici competenti>.

Alessandro Trotta

Su questo articolo verranno pubblicati solo commenti firmati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...